Motorola lavora ad un telefono modulare del tutto personalizzabile

phoneblocks motorola

Ricordate? Poco più di un mese fa vi abbiamo parlato di Phoneblocks, il telefono modulare ultrapersonalizzabile che consente di avere un dispositivo perfetto per le nostre esigenze semplicemente cambiando una componente.
Bene, non siete gli unici a cui è sembrata un'idea geniale.
Motorola ha annunciato che il suo nuovo team di ricerca e sviluppo, Project Ara, sta sviluppando "una piattaforma hardware open per creare smartphone altamente modulari".

Le persone impegnate in questo progetto, che hanno lavorato a stretto contatto proprio con quelli di Phoneblocks, hanno dichiarato di “volere fare con l’hardware quello che Android fa con il software”. Se qualcuno ci vede l’influenza della filosofia di Google, non si sbaglia.
L’idea è quella di creare un ecosistema di sviluppo di terze parti per l’hardware, che probabilmente dovrebbe rendere più facile per le persone intervenire: un GPS qui, una fotocamera lì, etc.
Le aziende possono puntare su ciò in cui sono più ferrate e vendere direttamente all’utente finale senza dover fare un telefono per intero.

D’altro canto, questo potrebbe voler dire molti telefoni incredibilmente personalizzati e versatili sui quali è l’utente a decidere a cosa dare più rilievo e a cosa meno, anche economicamente.
Questa, naturalmente è un’idea, che qualcuno aveva già avuto senza riuscire a portarla sul mercato. Motorola ora pensa sia giunto il momento di provare e il design di quello che chiama endoscheletro e dei suoi moduli appare molto agile.
Ecco come lo spiegano le persone coinvolte nel progetto:

“L’endosceletro è la cornice strutturale che tiene insieme tutti i moduli. Un modulo può essere qualsiasi cosa, da un nuovo processore al display o la tastiera, passando per una batteria in più o qualcosa a cui ancora non abbiamo neanche pensato”.
Naturalmente, tutto questo non ci dice se e quando vedremo questo telefono in commercio, ma sarebbe un vero peccato se Motorola non lo producesse davvero. Voi come la pensate?

Tags :