La canoa che diventa sottomarino prima di capovolgersi

canoa_sottomarino

La forma affusolata di una canoa, la rende un ottimo mezzo per fendere l'acqua e muoversi velocemente. E' fatta apposta. Ma per chi non è pratico dell'uso della pagaia, quella che per un professionista è una caratteristica irrinunciabile diventa un enorme difetto, capace di farvi finire in acqua in qualsiasi momento. E questa potrebbe rivelarsi un'esperienza davvero tragica.

Ma non se siete dotati della canoa Subo di Olivier Feuillette che si trasforma da canoa in sottomarino perfettamente equipaggiato in pochi secondi.
Un portello dotato di cerniere si chiude sopra il canoista lasciandolo completamente all’asciutto, mentre una bombola di ossigeno fornisce il gas necessario al viaggio subacqueo.

E per i viaggi più lunghi, un filtro di CO2 (che non deve essere troppo diverso da quelli usati nei rebreather dei subacquei) permette di estendere la permanenza sott’acqua fino a due o tre ore. Una volta che la canoa è diventata sottomarino, un timone e il suo movimento aiutano a spingere il mezzo sott’acqua e a cambiarne la direzione. Certo non è lo stesso mezzo che ha usato James Cameron per arrivare sul fondo della Fossa delle Marianne, ma un giretto lo faremmo volentieri.

Tags :