Arriva Mafialeaks, la piattaforma per denunciare la criminalità organizzata

mafialeaks

Gli sviluppatori, per motivi facilmente intuibili, hanno deciso di restare anonimi. E anonime dovrebbero restare anche le fonti che decideranno di inviare le proprie segnalazioni su Mafialeaks.

Mafialeaks è una piattaforma, basata sul software Open Source italiano GlobaLeaks, che vorrebbe proporsi da struttura di intermediazione tra coloro che hanno informazioni utili sulle attività della criminalità organizzata e una rete di "persone fidate" (così definite dal sito della piattaforma) scelte tra Forze dell’ordine, giornalisti e associazioni antimafia.

L’anonimato delle fonti dovrebbe essere tutelato dal software Tor.

Il condizionale è purtroppo d’obbligo, perché, come si sa, quando si parla di anonimato in rete la “paranoia” non è mai abbastanza. E anche perché, come rivelato da alcuni documenti del Datagate, in alcuni casi l’NSA è riuscita in passato a colpire singoli utenti di Tor a partire da alcune particolari vulnerabilità, in particolare attraverso il browser Firefox su cui si basa una popolare distribuzione di Tor, il Tor Browser Bundle.

Sui social network è già acceso il dibattito tra chi plaude al nuovo strumento e chi, come la giornalista de L’Espresso Stefania Maurizi, sottolinea su Twitter che per invitare potenziali vittime di mafia a farsi avanti bisogna essere sicuri di poter “fornire un livello di protezione pari a sicurezza nazionale”.

E voi cosa ne pensate?

Tags :