Le calzature biologiche che indosseremo nel 2050

scarpa

Non sappiamo quale sia la vostra visione sul futuro delle scarpe (o se questo pensiero via abbia mai sfiorato la mente... Per fortuna, Shamees Aden, di Londra, ha immaginato un futuro in cui la scarpa viene stampata in 3D su materiale prodotto con un processo di sintesi organica. E il prototipo è ... mezzo vivo.

Ecco le calzature Prtocell (protocellula). Le scarpe si adattano ai piedi del portatore in modo da fungere da seconda pelle. Questa tecnologia per molti aspetti imita la pelle umana. Infatti, pur non essendo sono vive, queste calzature si comportano come tali e hanno anche capacità di rimarginarsi.

Dicono i suoi inventori:

Le cellule hanno la capacità di gonfiarsi, sgonfiarsi e reagire alla pressione.

Perfetto dite? Beh, bisogna anche prendersene cura come se fosse una pianta, per garantire tutte loro le risorse necessarie per ilringiovanimento delle cellule.

Chi non vuole delle scarpe mezze vive al posto di una pianta esotica?

Purtroppo, l’idea è ancora in fase di progettazione e il suo autore ritiene che ci vorranno quattro decenni per vedere questo tipo di tecnologia sul mercato. Portate pazienza.

[Fonte: Gizmodo.fr]

Tags :