I migliori posti in cui lavorare in Italia: in cima le aziende dell’IT

microsoft

Come ogni anno, anche in vista del 2014 il Great Place to Work Institute ha stilato la classifica dei posti migliori in cui lavorare nel nostro paese. In realtà le classifiche sono due: una dedicata alle grandi aziende e una alle piccole-medie.

In entrambi i casi, però, a guidare le classifiche ci sono aziende dell’IT. Tra le grandi imprese domina ancora una volta Microsoft, infatti, mentre tra le medio-piccole il primo posto è di Cisco. Sono 96 le aziende analizzate dal Great Place to Work Institute per stilare i suoi elenchi, e nei risultati finali si contano 7 new entry su un totale di 35 (12 grandi imprese, ovvero con più di 500 dipendenti, e 23 medio-piccole, con un numero di dipendenti compreso tra 50 e 499). Escono, a sorpresa, dalla classifica, aziende che negli scorsi anni avevano ricoperto posti importanti: Ikea, Unieuro, Unilever, Leroy Merlin, Loacker, Prodotti Formenti, Best Workplace Gruppo Dow, Mediatronica, In Job, Kellog, Intesys, Eurac, Naturallook e mapa Spontex.
Ma vediamo le due classifiche nel dettaglio:

2014 Best Workplace – Large Companies

1 – Microsoft
2 – Tetra Pak Packaging Solutions S.p.A.
3 – FedEx Express
4 – Eli Lilly Italia Spa
5 – Bricoman
6 – EMC Computer System Italia
7 – Sanofi
8 – Quintiles
9 – Bottega Veneta Italia
10 – Mediamarket
11 – ABBVIE
12 – Markas Srl

2014 Best Workplace – Small Medium Enterprises

1 – Cisco Systems
2 – W.L. Gore e Associati srl
3 – Loccioni
4 – Hitachi Data Systems Italia
5 – National Instruments
6 – Mars Italia SpA
7 – PepsiCo Italia
8 – SAS
9 – S.C. Johnson Italy
10 – Zeta Service
11 – ConTe.it – Admiral Group plc
12 – Edwards Lifesciences Italia S.P.A.
13 – Volkswagen Financial Services
14 – JT International Italia
15 – Mellin – Danone Baby Nutrition
16 – Royal Canin Italia
17 – Grunenthal Italia
18 – Medtronic Italia SpA
19 – Corio Italia S.r.l.
20 – Jobrapido Srl
21 – Biogen Idec Italia
22 – Welcome Italia
23 – Novaterra Zeelandia S.p.A

[fonte: Great Place to Work Institute]

Tags :