Lo spionaggio a tappeto è inutile per prevenire gli attentati

spionaggio

Con la scusa della lotta lotta al terrorismo, ormai lo sappiamo, NSA si arroga il diritto di spiare le conversazioni telefoniche dei privati. Ma secondo un recente studio, questo spionaggio massiccio è inutile dal punto di vista della prevenzione degli attacchi terroristici.

Come molti già ipotizzavano, secondo un nuovo studio, le raccolte dati della NSA “non ha ha avuto alcun impatto apprezzabile sulla prevenzione degli atti di terrorismo”. E, ironia della sorte, non è la mancanza di dati che mette in difficoltà l’azione dell’agenzia, ma proprio il loro surplus.

Nello studio in questione, la New America Foundation ha esaminato 225 casi riguardanti il terrorismo e ha scoperto che i metodi di indagine e le leggi tradizionali hanno svolto la maggior parte del lavoro di prevenzione. Circa un terzo dei casi di terrorismo è stato sventato da un informatore, visto che i metodi di sorveglianza tradizionale sono sono stati utilizzati in ben 48 casi.

Per quanto riguarda la raccolta massiva di metadati, questi sono serviti solo in un caso, un caso che non è nemmeno stato presentato come una minaccia contro gli Stati Uniti. I risultati dello studio sono significativi ma non molto sorprendenti, per molti degli osservatori. Obama stesso ha detto che il programma NSA “non era essenziale per la prevenzione delle crisi”. Il presidente degli Stati Uniti ha anche ammesso che il programma della NSA ha fatto più male che bene …

Del resto è di questi giorni la notizia che l’amministrazione obama annuncerà riforme radicali dell’NSA per il prossimo 17 gennaio!

[Fonte: Gizmodo.fr]

Tags :