Google rimuove le estensioni di Chrome che generano spam

Google aggiorna Chrome per Android

Durante lo scorso week end, Google ha rimosso una serie di estensioni per Chrome perché producevano spam pubblicitario violando i termini di servizio dell'azienda.
Tra le estensioni rimosse, anche "Add to Feedly" e "Tweet This Page" che, sebbene fossero state aggiornate di recente, continuavano a proporre agli utenti pubblicità indesiderata.

La situazione era degenerata al punto tale che i commenti sulla pagina di “”Add to Feedly” parlavano dell’estensione come di spam puro.
La policy di Google, aggiornata lo scorso dicembre, permette alle estensioni di inserire pubblicità solo su una parte di una pagina web. !Add to Feedly” e “Tweet this page”, invece, inserivano più annunci anche su pagina in cui non apparivano, come la home di Google.

E’ il risultato del fatto che Google non verifica i codici delle estensioni prima che venga aggiornato dagli autori sul suo server e permette alle nuove versioni di andare online automaticamente sui computer degli utenti. Quando lo sviluppatore di “Add to Feedly” ha ammesso di avere venduto la sua estensione ad un acquirente sconosciuto, non ha sorpreso sapere che questo acquirente aveva inserito una quantità esagerata di pubblicità nel codice. Entrambe le estensioni rimosse avevano meno di 100.000 utenti. Speriamo non diventi una tendenza comune e speriamo, soprattutto, che Google decida di fare dei controlli preventivi sui codici.

[Fonte: Gizmodo USA]

Tags :