Bill Gates: nel 2035 il mondo sarà meno povero

Bill Gates

Con il posto di uomo più ricco del mondo, Bill Gates a quanto pare, ha anche guadagnato un bel po' ottimismo. Nella lettera annuale alla sua fondazione, il co-fondatore di Microsoft spiega come, secondo lui, i paesi poveri del mondo dovrebbero presto emergere dalla povertà.

Il pronostico riguarda non meno di 36 paesi classificati nella parte inferiore della scala della povertà globale. Bill Gates si basa su tre miti sulla povertà, dimostrando la loro inesattezza per meglio far valere i propri argomenti.

Questi tre miti si basano sul fatto che la condizione dei paesi poveri siano frutto di una qualche fatalità, che gli aiuti esteri siano un disastro e, infine, che il supporto continuo contribuisca alla sovrappopolazione.

A differenza di ciò, Bill Gates sostiene che per il 2035,, i paesi più poveri uscire dalla povertà grazie peso decisivo di due strumenti: l’innovazione medica e la rivoluzione digitale.

Si dovrebbe innescare un circolo virtuoso grazie allo spirito di emulazione dei paesi più poveri (che prendono spunto dai vicini più dinamici per poi avanzare a loro volta). Gli sforzi iniziali portereranno a una politica educativa di qualità maggiore per migliorare la produttività e le condizioni di vita del paese e dei suoi abitanti.

Tuttavia, prima di ciò, secondo Bill Gates, gli aiuti esteri sono assolutamente necessari.

Ciò si è visto nel corso del tempo è che le persone vivono più a lungo, sono più sane e riescono a sfuggire alla povertà grazie anche ai servizi che si stanno sviluppando attraverso gli aiuti.

[Fonte: Gizmodo.fr]

Tags :