La maschera granfacciale da snorkeling: per respirare naturalmente anche a pelo d’acqua

granfacciale da snorkeling

Lo snorkeling non è certo tra le attività più difficili in cui cimentarsi, se si ha una buona acquaticità. Ma per molti, dovere respirare usando solo la bocca può risultare piuttosto problematico. Ispirata ai diversi modelli di maschera granfacciale che si usano nella subacquea, la maschera EasyBreath viene in aiuto di chi trova difficoltoso respirare con il classico boccaglio.

A chi non ne ha mai vista una, potrà sembrare un po’ strana, ma il funzionamento è piuttosto semplice. La maschera ingloba tutta la faccia e contiene una mascherina all’interno che prende naso e bocca e non ha bisogno del morso per essere tenuta a posto. In cima alla maschera un tubo simile al tradizionale snorkel assicura l’ingresso dell’aria pulita e l’uscita di quella espirata ed è dotato di un sistema che impedisce l’ingresso dell’acqua in caso di mare leggermente mosso o di piccole apnee.
In questo modo, si potrà respirare esattamente come quando si è a terra pur tenendo la testa immersa nell’acqua.

granfacciale_snorkeling

Come abbiamo già detto, non si tratta di una innovazione sconvolgente. né di una cosa mai vista prima dato l’uso della maschera granfacciale nella subacquea è storia antica, ma ciò non toglie che potrebbe risultare molto comoda per chi ama lunghe sessioni di snorkeling e non si trova a suo agio con l’attrezzatura tradizionale. Costa 39,95 euro (più o meno quanto una maschera di buona qualità) ed è prodotta da Tribord, il che significa che possiamo aspettarcela anche in Italia appena in tempo per la prossima stagione estiva.
Volete sapere quale sarà il prossimo passo? Il comunicatore wireless per potere parlare mentre si fa snorkeling. Esistono già, del resto, anche questi in uso tra i sub.

Tags :