Nomi storpiati e loghi contraffatti: ecco la “Fake Street” cinese

la fake street cinese

Ad una prima occhiata, questa strada di Wuxi, in Cina, non sembra altro che una delle tante strade di negozi che si vedono in tante città, in cui spiccano brand internazionali. Ma guardando meglio, la verità salta agli occhi. Basta leggere attentamente le insegne per rendersi conto che con qualche finto errore di ortografia, i nomi di noti negozi visitabili in tutto il mondo nascondo in realtà delle contraffazioni. Si potrebbe ribattezzare la "Fake Street". Tra i negozi, spiccano alcuni evidenti falsi, facilmente riconducibili agli originali. Qualche esempio? H&N, Appla, Sffcccks Coffee e Zare.

la fake street cinese

I riferimenti sono più che evidenti, se non bastassero i loghi fin troppo simili agli originali. Un avvocato locale, Zhao Jia, ha spiegato a Sohu.com: “Le agenzie immobiliari della zona stanno tenendo un comportamento ingannevole e devono porre fine a queste violazioni. Le facciate “progettate per creare un ambiente di shopping” hanno spinto molti a ribattezzare questa zona come “Fake Street”. E anche se il concetto di proprietà intellettuale è una preoccupazione valida, chiunque abbia familiarità con questa situazione, sa che le leggi sul copyright sono l’ultimo dei loro problemi”. A voi le conclusioni.

[Fonte: Gizmodo USA]

Tags :