Google celebra Sochi 2014 e si schiera dalla parte dei diritti dei gay

google per sochi 2014 contro l'omofobia

Avete visto il Doodle di oggi? Beh, è evidente: l'occasione è la cerimonia di inaugurazione dei Giochi Invernali di Sochi 2014. Ma, forse, per la prima volta, Google associa alla grafica commemorativa, a cui ormai ci ha abituati, anche un testo, leggibile proprio sotto la barra delle ricerche, che recita: "La pratica dello sport è un diritto dell'uomo. Ogni individuo deve avere la possibilità di praticare lo sport senza discriminazioni di alcun genere e nello spirito olimpico, che esige mutua comprensione, spirito di amicizia, solidarietà e fair-play." - Tradotto da Google dalla Carta Olimpica. Se a questo testo abbinate la scelta cromatica per il doodle, il riferimento è più che esplicito.

Big G non ha voluto perdere l’occasione per schierarsi dalla parte dei diritti umani e denunciare, a modo suo, la crescente e preoccupante ondata di violenza omofoba, avallata e favorita dalle leggi contro la cosiddetta “propaganda gay” approvate da Putin, che sta attraversando la Russia e che tante polemiche ha scatenato proprio attorno alle Olimpiadi Invernali di Sochi. Oltre a citare la Carta Olimpica, Google ha voluto usare i colori della bandiera arcobaleno, simbolo della comunità lesbica, gay, bisessuale e transgender in tutto il mondo, per rendere ancora più esplicito il proprio messaggio.
.
google per sochi 2014 contro l'omofobia

Non è la prima volta che Mountain View prende posizione a favore delle persone lgbt. Al suo interno esiste un’associazione tra i dipendenti omosessuali, bisessuali e transgender, i “Gayglers” che partecipano ogni anno ai Pride statunitensi con maglie e striscioni che mostrano in bella vista il logo aziendale; negli stati in cui si sono discusse le leggi per approvare il matrimonio tra persone dello stesso sesso, Big G si è sempre esplicitamente espressa a favore, a volte finanziando le campagne per il sì; da anni ha deciso di pagare le spese mediche delle persone transgender che lavorano per l’azienda ed ha esteso anche ai partner omosessuali dei propri impiegati gli stessi benefici previsti per le coppie etero. Solo per fare qualche esempio.
Google non è la sola azienda dell’IT ad avere preso posizioni del genere. Anche Apple, Amazon e Microsoft si sono spesso schierate in questo senso. Fuori dall’IT, altri noti brand hanno preso le stesse posizioni, come Coca-Cola (aspramente criticata, però, per la psonsorizzazione di Sochi), Starbucks, Ikea, il produttore di gelati Ben&Jerry, la catena di hotel Hilton e molte altre ancora

Tags :