Review: le felice coppia Nexus 5 e Android KitKat

nexus 5

Che il Nexus 5 fosse un ottimo smartphone si sapeva già. Ma come funziona in coppia con Android KitKat? I nostri amici di ITespresso l'hanno messo alla prova e il risultato non smentisce affatto il giudizio iniziale. Per rinfrescarci la memoria, vale la pena ricordare che il Nexus 5 è prodotto da LG per Google ed è privo di alcuna forma di brandizzazione.

Dal punto di vista delle specifiche parliamo di uno smartphone di gamma alta con un prezzo assolutamente ragionevole (349 euro per la versione da 16GB e 399 euro quella da 32 GB). Il display è da 4.95 pollici, full hd IPS con risoluzione pari a 1.920×1.080 e 445 ppi rivestito da Corning Gorilla Glass 3: un mix che fornisce una visualizzazione impeccabile anche di caratteri molto piccoli.
La fotocamera è da 8MP con autofocus, stabilizzatore ottico e illuminatore, oltre al nuovo HDR+ per le foto in successione. Il processore è un quad-core Qualcomm Snapdragon 800 a 2,26 GHz, con Gpu Adreno 330 clockato a 450 MHz e integrato da una Cpu Krait 400. Si abbiana una RAM da 2GB. Wi-fi, LTE, Bluetooth 4.0 LE ed NFC completano la dotazione insieme a Gps, giroscopio, accelerometro, bussola, luce ambientale e sensore di prossimità, sensore di pressione, ed Effetto hall che permette l’uso del telefono, ad esempio, con le custodie che spengono il display.

nexus 5

Veniamo al funzionamento con KitKat. Molte le funzioni interessanti introdotte. Ad esempio, se da una chiamata in entrata il telefono non trova corrispondenze con i numeri in rubrica, tenta l’indentificazione su un database di aziende che ricerca anche su dati via Web. Un sistema di selezione automatica, poi, mette in evidenza i numeri delle persone con cui si parla più spesso. Inoltre è stato velocizzato il multitasking e con le app cosiddette immersive (per esempio quando si legge o si guarda un film) eventuali elementi di disturbo vengono “spenti” e messi in secondo piano.

Buona anche l’autonomia della batteria con il nuovo OS, sempre che non giochiate con videogame 3D che riducono la durata della batteria stessa in maniera drastica. Ma per un uso quotidiano, si può contare su una durata che raggiunge tranquillamente la giornata lavorativa e permette di fare telefonate per oltre 12 ore.
Insomma, non c’è da temere di incappare in brutte sorprese e il giudizio complessivo è decisamente buono, specialmente se si considera il prezzo.
Potete leggere i risultati completi del test e maggiori dettagli sulle prove su ITespresso.

[Fonte: ITespresso]

Tags :