Gli avvocati americani sono apertamente pro-droni

droni

La storia è semplice. Presto i droni solcheranno i cieli statunitensi. Inevitabilmente qualcuno cadrà e farà qualche danno. E magari qualcuno vorrà fare causa alla società che l'ha inviato. Ma sarà troppo tardi.

Eh sì, perchè gli studi legali si stanno già preparando ad aiutare le imprese a ovviare a tutte le noie legali che potrebbero nascere dall’impiego di questi apparecchi. Chiaramente, i comuni consumatori sono clienti molto meno redditizi per gli studi legali.

Due grandi studi legali statunitensi hanno annunciato la scorsa settimana la creazione di alcuni focus group per aiutare le aziende a sviluppare una soluzione in materia. Il Washington Post dice che le imprese sono chiaramente già in allerta. E’ un enorme segmento quello che si aprirà, una manna finanziari, il treno che nessuno vuole perdere .

Si stima che non meno di 7.500 droni invaderanno il cielo entro il 2018, la FAA sta scrivendo le regole che dovrebbero gestire questo futuro traffico.

Chissà se le regole FAA saranno più favorevoli alle imprese che impiegheranno i droni o le vittime dei loro inevitabili danni? La formulazione di queste regole è fondamentale, altrimenti la gente potrebbe svegliarsi un giorno con un drone nel proprio salotto e scoprire che Amazon non è legalmente responsabile della finestra rotta .

FAA sta affrontando un compito difficile da risolvere che probabilmente comporta anche molte pressioni da parte delle aziende interessate.

Gli avvocati lavorano alacremente per le imprese, speriamo che i membri del Congresso si occupino degli interessi dei cittadini .

[Fonte: Gizmodo.fr]

Tags :