Password: piccoli suggerimenti per perfezionarle

password

123456, password, querty, abc123 … Ecco alcune delle password più utilizzate al mondo nel 2013. La loro semplicità può farvi sorridere. Ma impostare una password veramente sicura non è così facile

Bruce Schneier, ricercatore in materia di sicurezza si è concentrato sulla delicata questione. Ha riassunto i suoi suggerimenti in una guida che spiega come formulare delle password che rappresentino un buon compromesso tra sicurezza e facilità di memorizzazione.

Andando nello specifico, Bruce Schneier spiega che bisogna aggirare la logica degli algoritmi utilizzati dai potenziali aggressori digitali. E questa, in estrema sintesi, è la logica umana.

Schematicamente, i programmi di decodifica delle password sono concepiti sulla base dell’analisi delle password più utilizzate.

Scandagliono le parole chiave contenute nel proprio database e cominciano a lavorare a ripetizione su diverse combinazioni (ad esempio sostituendo la vocale “e” al numero “3”).

Così, per dare il massimo livello di sicurezza possibile alle proprie parole chiave, bisogna trovare una combinazione che vada in conflitto con la logica comune integrando, allo stesso tempo, caratteri minuscoli e maiuscoli, cifre e simboli.

Inoltre, secondo il fornitore di applicazioni per la gestione di password SplashData, sono necessari almeno otto caratteri per ottenere una buona parola chiave.

password

Bisogna, infine, scegliere una password diversa per ognuno dei nostri account e cambiarla regolarmente.

Ecco quindi che la memorizzazione di tutta questa complessità diventa un bel problema… Ci sono dei trucchi per venirne fuori, suggeriti spesso dagli esperti i sicurezza. Ma ricordatevi. Il trucco rimane quello di uscire fuori dalla logica comune.

[Fonte: Gizmodo.fr]

Tags :