Le forze armate statunitensi scelgono Linux per controllare i droni

le forze armate statunitensi scelgono Linux per controllare i droni

le forze armate statunitensi scelgono Linux per controllare i droni
Raytheon sta per fare una mossa importante: passerà dal sistema operativo proprietario Solaris all'open source Linux per controllare il sistemi dei suoi droni destinati alle forze armate statunitensi.

Stando ad un rapporto della Avionc Intelligence del 2 maggio scorso, Raytheon è entrato con un contratto da 15.8 milioni di dollari tra i fornitori della Marina Militare statunitense per sostituire i sistemi di controllo con uno basato su Linux. Il primo veicolo ad essere aggiornato sarà l’elicottero Northrop Grumman MQ-8C Fire Scout che vedete nell’immagine qui sopra.

Il passaggio dovrebbe permettere un sistema di controllo più intuitivo e rendere più semplici gli aggiornamenti futuri, il che si traduce in un risparmio di soldi nel lungo termine. La cosa non piacerà ad Oracle, che sviluppa Solaris e dimostra molta fiducia nell’open source, contrariamente a quanto dichiarato dalla stessa Oracle scondo cui “l’open source è un rischio inaccettabile per le applicazioni militari”.
E’ evidente che le forze armate statunitensi e Raytheon non la pensano allo stesso modo.

Tags :