Altro che regime totalitario: dietro il down di Internet in Siria c’era l’NSA

nsa

Ricordate quando il governo siriano ha spento internet in tutto il paese poco meno di due anni fa? Beh, grazie alla recente intervista rilasciata da Edward Snowden all'edizione statunitense di Wired scopriamo che le cose potrebbero non essere andate così. Stando al whistleblower più famoso del mondo, infatti, dietro il down della rete in Siria ci sarebbe l'NSA.

Edward Snowden il principale whistleblower temuto dall'NSA

Nel bel mezzo della guerra civile, l’NSA stava cercando un modo per intrufolarsi nel principale internet service provider del paese. Come sottolinea il Time, “installare la backdoor avrebbe dato agli USA accesso a praticamente tutte le comunicazioni digitali della Siria, un enorme vantaggio per l’intelligence”.
Sfortunatamente per l’NSA, le cose non sono andate secondo i piani. Pare infatti che qualsiasi cosa stesse tentando di fare l’agenzia, quello che alla fine ha ottenuto è stato bloccare il router che a sua volta ha provocato la perdita di connessione in tutta la Siria. Ecco come lo descrive Wired:

“Dentro il centro operativo TAO, gli hacker governativi in pieno panico hanno vissuto quello che Snowden chiama un momento “oh, merda”. Hanno tentato di fare in fretta per riparare il router da remoto nel tentativo disperato di eliminare le loro tracce ed evitare che i siriani si accorgessero del sofisticato software utilizzato per accedere alla rete. Ma dato che il router era bloccato, non sono riusciti a risolvere il problema. Fortunatamente per l’NSA, i siriani erano più concentrati a tentare di ripristinare la connessione del paese che non a scoprire le cause del black out. Intanto, nel TAO Center, la tensione venne rotta da una battuta che contiene più che una piccola verità: “Se ci beccano, possiamo sempre puntare il dito su Israele”.

Al momento l’NSA non ha commentato le rivelazioni di Snowden a Wired, ma è difficile immaginare che l’agenzia possa dire qualcosa che possa porre rimedio al danno fatto da un racconto del genere.

[Fonte: Gizmodo USA]

Tags :