Moto X 2014: tutto quello che c’è da sapere sul nuovo gioiello di Motorola

Moto X

Il Moto X è stato uno dei migliori telefoni dello scorso anno. E da poco Motorola ha lanciato la seconda generazione che, con uno sforzo di fantasia senza precedenti, si chiama Moto X 2014. Olè. I nostri amici di Gizmodo USA lo hanno provato dal vivo ed ecco cosa hanno scoperto.

Il nuovo Moto X è decisamente più grande del precedente con uno schermo da 5.2 pollici contro i 4.7 del modello scorso ed è anche più performante: 1080p contro 720p. Ha anche bordi molto sottili e nonostante sia più grande pesa solo 5 grammi in più.
Ci sono anche altrei miglioramenti rispetto alla generazione passata. Una delle più evidenti è il grosso altoparlante frontale, la cui griglia ifnisce un po’ sopra lo schermo (senza dare fastidio all’orecchio in fase di chiamata. La ragione è che se mettete il telefono su un piano poggiandolo dal lato dello schermo, questo non rischierà di graffiarsi. E quei due punti sotto la parte bassa del display? Sono i sensori che permettono al telefono di interpretare le gesture.

Moto X

Sul retro c’è una fotocamera da 13MP con una lente f/2.25 circondata da un doppio flash che Motorola chiama Ring Flash. La fotocamera permette di girare video UHD a 4K, oltre che a 1080p e in slow motion.
All’interno c’è un processore Qualcomm quad-core da 2.5GHz, lo Snapdragon 801 con GPU Adreno 330: entrambi migliori della dotazione precedente. Ci sono anche 2GB di RAM, come nella versione del 2013. La batteria è stata leggermente migiorata: 2300mAh rispetto 2200 mAh e questo può destare qualche prerplessità sull’autonomia.

Vale la pena notare che i bordi sono del tutto ricoperti di metallo e questo è un punto a favore. Il pulsante di accensione e quelli del volume sono sul lato destro, ma il primo ha un po’ di texture così da poterlo distinguere più facilmente. Manca ancora il supporto alle schede microSD, ma si può avere nelle versioni da 16GB e da 32GB.

motox_handson2

The Moto X gira con Android puro, niente interfacce. I miglioramenti software passano per le app stand alone. Questo significa che quando Google rilascia una nuova versione di Android o un aggiornamento, questo arriverà sul Moto X in tempi accettabili.
Le app personalizzate di Motorola sono migliori delle versioni precedenti. Ad esempio il Touchless Display adesso si chiama Moto Voice. Non c’è bisogno di toccare nessun pulsante per accedere all’assistente vocale, come prima, ma la novità è che si può programmare una propria frase diavvio, invece dell’ “Ok Google Now” standard.
Una volta attivato Moto Voice, potete accedere alla ricerca vocale di Google, ma Motorola ha incluso la possibilità di fare funzionare l’assistente vocale anche con app di terze parti. Ad esempio potete pubblicare status su Facebook, mandare un messaggio via WhatsApp e cercare video su YouTube.

Moto X

Active Display, che adesso si chiama “Moto Display” lancia ancora le notifiche come prima e permette di accedervi senza dovere riattivare il telefono. E può ancora cambiare la modalità del telefono per permetter di leggere messaggi a voce alta mentre guidate.
E poi c’è Moto Actions, un nuovo trucchetto che sfrutta il sensore IR per permettervi di silenziare le chiamate in arrivo o gli allarmi semplicemente agitando la mano.

Il software della fotocamera è eccezionale. E’ semplice e intuitivo. Uno swipe da sinistra permette di accedere a tutte le impostazioni. Di default, tutto lo schermo è il pulsante per scattare: basta toccarlo. Oppure potete regolare la messa a fuoco e l’esposizione tramite un cerchio da trascinare sullo schermo.

Moto X

Un’altra funzione interessante fa sì che quando scattate una foto, se Moto X intercetta troppo rumore o movimento, vi suggerirà di usarne un’altra che la fotocamera ha scattato l’istante prima o quello dopo rispetto a quando avete eseguito lo scatto. A quel punto, scegliete quella migliore.
Peccato che le novità software non saranno disponibili per il modello precedente, perché anche la qualità delle immagini risulta molto migliorata.
Nel complesso, è un dispositivo molto buono, anche dal punto di vista hardware e dell’usabilità. Lo schermo è luminoso e si usa bene anche sotto il sole.
L’audio è assolutamente fantastico sintomo del fatto che Moto ha fatto un buon lavoro con lo speaker frontale, un buon avversario dell’HTV One M8.

Moto X

Ancora una volta Motorola presenta un dispositivo con un ottimo rapporto qualità prezzo, come già successo con il modello dello scorso anno, ma anche con il Moto G.
Moto X 2014 arriva in Italia nella sola variante legno 16GB al prezzo di 599 euro.

motox_handson6

Moto X

motox_handson8

Moto X

Moto X

Tags :