L’Italia delle Start up al Web Summit/1 – Pedius

pedius

Pedius è una delle quattro start up italiane selezionate per la Pitch Competition. Creata da da un team di sei ragazzi e ragazze, l'azienda ruota attorno ad una app che rende possibile anche ai non udenti l'utilizzo del telefono.

Gli investitori consigliano sempre ai giovani startupper di focalizzarsi su un’idea che sia veramente utile ed essenziale per gli utenti. Beh, l’idea di Lorenzo di Ciaccio si candida a essere vitale per i propri utenti.

E’ una app che consente ai sordi di utilizzare il telefono in tutte quelle situazioni della vita quotidiana che a un non udente sono normalmente precluse: dal prendere un appuntamento con il parrucchiere a organizzare un’uscita in pizzeria con i propri amici.

Ovviamente l’applicazione diventa un vero must se l’utente si trova in una situazione d’emergenza: pensate cosa voglia dire avere un malore e non essere in grado di chiamare un parente o i 118.

Abbiamo intervistato Lorenzo Di Ciaccio,CEO, Stefano La Cesa, CTO e Alessandro Gaeta, Sviluppatore, tutti e tre a Dublino per il Summit.

A che punto è il vostro progetto?

In questo momento ci stiamo dedicando a consolidare la community dei nostri utenti – spiega Lorenzo Di Ciaccio – Chiunque può iscriversi e scaricare la nostra app che in disponibile in modalità Freemium. Abbiamo posto particolare attenzione al prezzo di vendita facendo in modo che per i nostri utenti una telefonata con Pedius costi quanto una normale telefonata.
Ci teniamo molto a bilanciare ricavi e valore sociale del servizio. Inoltre tra i prodotti rivolti alle imprese abbiamo realizzato un servizio di numero verde in modo da facilitare l’interazione con i propri clienti non udenti.

Che tipo di riscontri avete avuto fino ad ora?

Siamo entrati a far parte del programma di Telecom Working Capital. Questo ci ha fornito 25000 euro per l’avviamento dell’attività e una serie di servizi di assistenza tra cui la disponibilità di un ufficio in pieno centro a Roma per un anno presso l’Acceleratore Working Capital. Passato un anno ci hanno chiesto di restare e quindi stiamo ancora collaborando con loro.
Siamo anche arrivati come finalisti alla Global Social Venture Competition di Berkley.

Cosa vi attende al vostro ritorno in Italia?

In collaborazione con Fondazione Filarete, Fondazione Cariplo e Microsoft YouthSpark stiamo organizzando l’evento Tech4Social che si terrà il prossimo 12 novembre a Milano proprio presso la sede della Fondazione Filarete. Un evento pensato per mettere in contatto le nuove tecnologie con l’innovazione sociale.

Qual è la proposta che per la vostra start up costruirebbe una svolta?

Ci piacerebbe ricevere proposte dai grandi operatori telefonici in modo che un servizio come il nostro possa diventare un vero e proprio standard ed essere disponibile per un un numero sempre più alto di utenti.

pedius

Tags :