L’Italia delle startup al Web Summit/3 – Lumi Industries

web summit

Una stampate 3d tascabile ed economica. E' questo il progetto dei ragazzi di Lumi Industries che abbiamo incontrato al Web Summit 2014 di Dublino.

lumi1
Continuiamo il nostro viaggio tra le startup che hanno partecipato alla Pitch Competition del Web Summit 2014 che si è chiuso ieri a Dublino. Oggi è la volta di Davide Marin e Manuela Pipino di Lumi Industries.

E’ Davide Marin, CEO e fondatore, a raccontarci la storia di Lumi Industries e della sua ultima creazione, Lumi Pocket.

Abbiamo iniziato l’anno scorso. Volevamo realizzare una stampante 3d che fosse accessibile e di dimensioni compatte. Grazie ai fondi raccolti con una prima campagna Indiegogo siamo riusciti a farne una addirittura pieghevole e l’abbiamo chiamata LumiFold.

Che tipo di riscontri avete avuto?

E’ diventata immediatamente molto popolare. Abbiamo partecipato alla Maker Fair di Roma ed il pubblico era estremamente interessato ad una stampante 3D che univa diversi vantaggi come le dimensioni ridotte, il prezzo accessibile ed una qualità di tipo industriale. E così abbiamo deciso di andare avanti a sperimentare in questo campo e abbiamo passato gli ultimi mesi a progettare la Lumi Pocket.

web summit

Quali sono le caratteristiche della nuova Lumi Pocket?

Abbiamo cercato di renderla il più minimalista possibile eliminando tutte ciò che non erano strettamente necessarie. Il risultato è una stampante 3D ancora più compatta, con un’alta qualità di stampa (tanto da potere essere usata perfino per la realizzazione di gioielli e nel modellismo), facile da usare ed affidabile. Grazie a tutte queste caratteristiche abbiamo potuto formulare un prezzo di soli 375 dollari.

Come la state promuovendo?

Lumi Pocket è attualmente al centro di una campagna Indiegogo. Abbiamo già raccolto 24,000 dei 50,000 dollari che ci eravamo prefissati.

Qual è la proposta che vi piacerebbe ricevere?

Ci piacerebbe ricevere offerte da parte di partner tecnologici interessati a investire nell’ampliamento della nostra produzione
e con i quali ideare insieme nuovi modelli e nuove declinazioni della nostra stampante.

Tags :