Le mappe delle città rifatte con lame di rasoi e vetri taglienti

le mappe delle città rifatte con rasoi e vetri tagliati

A Damien Hirst piace provocare. L'artista realizza mosaici con parafarmaci e sculture con imbalsamazioni. Ora, per la sua ultima serie di dipinti, ha deciso i rappresentare le mappe città in conflitto. Ma guardate bene: quelle che sembrano innocenti foto in bianco e nero scattate da un satellite sono realizzate con oggetti taglienti e pericolosi.

Diciassette città coinvolte in conflitti sono mappate su uno sfondo nero, le strade e gli edifici sono formate da bisturi, cerniere lampo e puntine da disegno. Ogni città, però, contiene qualcosa che la rappresenti. Così, tra i vetri taglienti e le lamette, trovate nelle mappe anche aghi da tatuaggio (a Mosca), ami da pesca (a Rio), capsule da champagne (a Parigi) e frammenti di proiettile (a Baghdad).
Ecco un dettaglio di Londra. Tutte le immagini sono fotografate da Prudence Cuming Associates © Damien Hirst/Science ltd.

mappa_rasoi1

Ecco cosa ha dichiarato l’artista: “La serie “Black Scalpel Cityscapes” fa riferimento alle procedure militari del cosiddetto “bombardamento chirurgico”, comunemente usato nelle guerre moderne, che dovrebbe limitare i danni collaterali colpendo aree precise da distruggere. La suggestione di un conflitto lontano e digitale, inevitabilmente riduce la devastante realtà della guerra”.
Riuscite a riconoscere le città rappresentate? La risposta la trovate alla fine. Le opere della serie “Black Scalpel Cityscapes” sono in mostra al White Cube São Paulo per tutto gennaio.

mappa_rasoi2

mappa_rasoi3

le mappe delle città rifatte con rasoi e vetri tagliati

mappa_rasoi5

le mappe delle città rifatte con rasoi e vetri tagliati

mappa_rasoi7

mappa_rasoi8

Parigi, Washington DC, Baghdad, Hollywood, Hong Kong, Città del Vaticano, San Francisco, New York City (specificatamente, Lower Manhattan).

Tags :