Google lancia i nuovi reCAPTCHA, la nuova generazione di captcha

google recaptcha

I captcha sono uno dei lati negativi di Internet. Sono quelle irritanti raccolte di numeri e lettere deformati che dobbiamo sforzarci di identificare per accedere a quello che ci serve. Google vuole migliorare il sistema di controllo anti-bot introducendo i nuovi reCAPTCHA, cioè una soluzione da un click per dire ai siti che voi siete, effettivamente, esseri umani.

E se da un lato le API del nuovo reCAPTCHA potrebbero apparire semplici, c’è un alto livello di sofisticazione dietro questa modesta checkbox. I Captcha si sono a lungo basati sull’incapacità dei bot di interpretare testi distorti. Tuttavia, alcune ricerche recenti mostrano che la tecnologia dell’Intelligenza Artificiale attuale può interpretare anche la variante più difficile di distorsione del testo con il 99,8% di precisione.

google recaptcha

Quindi, invece di captcha a cui siete abituati, le nuove API di Google usa un motore di analisi del rischio per decidere se potete superare il reCAPTCHA con un solo click se c’è bisogno di un’ulteriore analisi che riveli se siete davvero fatti di carne e ossa. Tuttavia, questo procedimento meno frustrante, dovrebbe attivarsi meno spesso. Stando a Google, siti come WordPress e Humble Bundles, che hanno già adottato le nuove API, permettono agli utenti di superare il test da un click rispettivamente nel 60 e nell’80 per cento dei casi.
Google vuole anche che il reCAPTCHA sia mobile-friendly dal momento che l’uso di dispositivi mobili è in continuo aumento e che la maggior parte della nostra interazione con la rete avviene ormai da smartphone e tablet.

Tags :Sources :gizmodo usa