Google Cultural Institute, l’app che vi accompagna per mostre e musei

google app per l'arte

Google ha da tempo deciso di dedicare la sua tecnologia alla scoperta dell'arte. E per questo ha dato vita al Google Cultural Institute con il quale intende tutelare e promuovere il patrimonio culturale internazionale, rendendolo accessibile a chiunque, naturalmente online.

Iniziative diventate molto popolari come Art Project e le Mostre Digitali sono alcuni dei progetti che rientrano in questo campo e che vedono la collaborazione di enti e istituti culturali di tutto il mondo.

Adesso c’è una novità: in un mondo sempre più connesso in mobilità, il Google Cultural Institute dà a tutti i Musei, le Fondazioni e gli Enti culturali che ne fanno richiesta, l’opportunità di creare gratuitamente la propria applicazione mobile Android per visitare le loro mostre e collezioni anche da dispositivi mobili.
L’app, oltre ad essere personalizzabile da ciascun partner del Google Cultural Institute, consente di accedere a più mostre contemporaneamente. Le immagini delle opere scorrono con un semplice tocco, insieme ai testi e alle fonti audio integrati dai curatori per aumentare il coinvolgimento dello spettatore.

Essendo sviluppata su tecnologia Google, l’app integra anche servizi come Street View di Google Maps, così da consentire una visita virtuale, oltre che fisica, degli spazi museali già mappati.
L’Italia è, insieme a Francia e Olanda, uno dei primi Paesi europei coinvolti in questo progetto pilota con ben 5 realtà museali partner dell’iniziativa:

GAM, Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea di Torino
Palazzo Madama, Torino
MAO, Museo d’Arte Orientale di Torino
Emergence Festival, Giardini Naxos
MA*GA, Museo Arte Gallarate

Ciascuna di queste app è scaricabile gratuitamente dal Google Play Store, utilizzabile da qualunque smartphone o tablet Android.
“Il mondo della cultura è sempre più smart – dichiarano da Google Italia -. Per questo abbiamo impiegato la nostra tecnologia nella creazione di uno standard di applicazione mobile che siamo felici di donare a tutti i partner del Google Cultural Institute e a tutte le realtà culturali che desiderano avvalersene, per farlo è sufficiente contattarci attraverso questo form”.
Quindi, se la mostra o il museo che volete visitare non è a portata di mano, andate, scaricate e navigate.

Tags :Sources :Gizmodo USA