NEC trasforma l’aeroporto di Vienna in una gigantesca installazione video

nec aeroporto vienna

Quello che vedete è il nuovo terminal dell'Aeroporto Internazionale di Vienna realizzato con ZeitRaum (TimeSpace), un’installazione interattiva progettata da Ars Electronica Futurelab e formata da gigantesche pareti di monitor NEC, che accompagnano i passeggeri in tutto il percorso che conduce ai gate di arrivo e partenza.

ZeitRaum si trova presso l’area del Check-in 3: un’imponente parete di monitor che ricopre i corridoi, che conducono e attraversano il checkpoint. La peculiarità di questa installazione è data dalla sua interattività: al passaggio delle persone di fronte ai monitor parte un’onda formata da centinaia di lettere, che iniziano a cadere dalla parete. Una volta raggiunto il pavimento, le lettere si compattano in un testo, che a sua volta va a formare la topografia di un paesaggio. Si delineano colline e vallate, che ondeggiano con un costante movimento, perché la loro crescita è in funzione dei passeggeri in arrivo e partenza: una collina per ogni decollo, una vallata per ogni atterraggio.

“Al centro del lavoro, c’è uno spazio immaginario, che collega tutti gli aeroporti del mondo. I passeggeri entrano ed escono e passando attraverso il checkpoint, con la loro presenza, danno vita ad una composizione in continuo divenire – fanno sapere da NEC -. In funzione del traffico aereo, i confini di questo spazio si spostano in continuazione e all’interno di esso culture, lingue e nazioni si incrociano come fossero zone temporali. Più di cinque miliardi di uomini ogni anno entrano in questo spazio. Sono tra loro sconosciuti, ma legati temporaneamente gli uni con gli altri, perché tutti parte di un tempo comune. Ars Electronica Futurelab ha chiamato questo tempo ZeitRaum (TimeSpace)”.

Inoltre, NEC punta, con progetti come quello che coinvolge questi monitor, a trasformare gli aeroporti in posti più accoglienti, dove i viaggiatori possono trovare le informazioni più facilmente e leggerle con più facilità e chiarezza. Un esempio? I display UHD 4K, grazie ai loro schermi ingranditi ed alla maggiore risoluzione, permettono di ridurre drasticamente il numero persone che si avvicinano per leggere le informazioni che scorrono sui monitor.

Tags :Sources :NEC