Muore dopo tre giorni ininterrotti ai videogame

videogame

Bisogna ribadirlo sempre: in ogni cosa ci vuole moderazione. Ed è un adagio altrettando vero anche quando si parla di videogame.


Un uomo taiwanese di 32 anni è stato ritrovato morto sulla poltrona del suo cybercafé. Hsieh (il suo nick) avrebbe trascorso tre giorni di fila attaccato allo schermo senza alcuna casa. Sarebbe stato vittima di una crisi cardiaca avvenuto in seguito all’intenso sforzo. Il decesso è stato constatato dal proprietario del cybercafé, allertato dagli altri clienti che gli hanno segnalato l’inattività di Hsieh.

Un caso simile si era già verificato ad inizio anno. Ed un latro taiwanese era morto nel 2012, all’età di soli 23 anni, davanti lo schermo di un computer, di nuovo, in un cybercafé.

Le autorità taiwanesi hanno di deciso di prendere in mano la questione e di organizzare una campagna di sensibilizzazione rivolta ai gamers e che dovrebbere ricordare loro di fare delle pause ogni due ore, di bere e alimentarsi.

D’altra parte si tratta casi estremamente rari e non bisogna dimenticare che i videogame rimangono un piacere per la maggior parte dei giocatori non rappresentano di per sè un rischio per la salute.

videogame

Tags :Sources :Gizmodo.fr