Niente droni al Super Bowl: provvedimenti anti terrorismo

droni, super bowl

La FAA (Federal Aviation Administration) ha deciso che durante l'atteso Super Bowl di domenica prossima non potranno volare droni per le riprese dall'alto. Il diniego si deve alle leggi sulla sicurezza approvate dopo l'11 settembre. Un portavoce della FAA ha spiegato il provvedimento in questo modo:

“Le restrizioni sul volo durante i principali eventi sportivi vennero imposte dal Congresso con una legge approvata dopo gli attacchi dell’11 settembre. Il provvedimento della FAA per il Superbowl implementa quel mandato. Ci sono anche regole federali, volute dopo l’11 settembre, che vietano velivoli e modelli anonimi su Washington DC”.
Tutto questo ha un senso, ma quelle leggi mantengono lo stesso rilievo nel 2015 come nel 2001? Un decennio e mezzo fa i droni non esistevano nel modo e con la diffusione che hanno adesso. In altre parole, quelle leggi non anticipavano il futuro immediato in cui poche centinaia di dollari sarebbero diventati sufficienti a comprare un velivolo che chiunque può facilmente pilotare.

Detto questo, l’estensione della legge fatta dalla FAA per il Super Bowl ha meno a che fare con le questioni dell’11 settembre e più con la mancanza di regolamentazione sui droni. L’esistenza di droni economici, facili da far volare, significa che i principali eventi sportivi oggi sono più pericolosi di prima. Quindi, nessuno è in disaccordo con l’FAA che cerca di tenere tutti al sicuro. Ma forse sarebbe il caso di modificare la legge prevedendo i droni.

Tags :Sources :Gizmodo USA