Bebop: in video il nuovo drone di Parrot

bobop parrot drone

I nostri amici di ITespresso hanno messo le mani sul Bebop, l'ultimo drone di Parrot e ne hanno testato le funzioni (e si sono anche divertiti, lo sappiamo...). Caratteristiche semiprofessionali, il Bebop Parrot nasce per l'uso amatoriale ed offre la possibilità di monitorare i campi, osservare il territorio, ispezionare zone e suoli di particolare valore o difficili da perlustrare via terra (si pensi a luoghi colpiti da terremoti o alluvioni), ma anche i rilievi dall’alto per i professionisti (ingegneri e architetti, ad esempio).

Il Bebop è ultra leggero, con una carena in PPE che si stacca al primo impatto, ma che risulta al contempo facile da montare e smontare oltre ad essere una buona protezione per le eliche del drone.

bobop parrot drone

Facile da guidare, con il kit Bebop Drone SkyController, il drone si può pilotare da una distanza massima di 250 metri non via radio, ma via wi-fi grazie al pairing peer to peer con il controller e senza necessariamente essere associato ad un tablet. Inoltre, grazie al collegamento HDMI, è possibile visualizzare quanto ripreso dal drone direttamente sul Tv di casa. Sul Parrot Bebop Drone, infatti, è montata una fotocamera fisheye per catturare foto fino a 4096×3072 pixel (oltre 12 MP) e video full hd a 30 fps. La connettività WiFi 802.11 ac è di tipo dual band MIMO con potenza di emissione fino a 21 dBm.
Facile e intuitivo da guidare anche per chi non ha esperienza, il Bebop Parrot Drone risulta molto stabile in volo e con un’ottima risposta ai comandi ed è in grado di restare fermo a mezz’aria in attesa che decidiate dove mandarlo. Inoltre, è in grado di effettuare riprese anche prima del decollo dato che si può direzionare la videocamera anche se il drone è fermo sul suolo.

Godetevi il video e cliccate qui per leggere la recensione completa e vedere tutte le foto.

Tags :Sources :Itespresso