Larry Page non è preoccupato dei lugin che bloccano la pubblicità

larry-page

Se c'è una cosa che ci piace di Google è il fatto che forniscono la maggior parte dei loro servizi e prodotti gratuitamente. Email gratis, accesso gratuito ai software per la produttività, cloud storage gratis (fino a una certa dimensione), sistema operativo mobile gratis, ricerca sul web gratis e tutto il resto.

Tuttavia, Google deve fare soldi in qualche modo e la maggior parte dei soldi arrivano dalla pubblicità, qualcosa che a Mountain View conoscono bene. Ma con l’aumento dei software che bloccano la pubblicità sui browser, verrebbe da pensare che Google stia facendo o abbia fatto una dura battaglia per limitarli. Sorprendentemente, invece, Larry Page ha dichiarato pubblicamente di non avere problemi con questo genere di programmi.

Secondo Page, infatti, la pubblicità va proposta in maniera più coinvolgente. “Parte del problema è che l’industria ha bisogno di fare meglio nel produrre pubblicità che sia meno fastidiosa e che si carichi più velocemente. E penso che abbiamo bisogno di fare un lavoro migliore come industria” ha concluso.
Detto questo, Google è tra quelle aziende (compresa Microsoft) che paga servizi come AdBlock per essere aggiunti nella whitelist delle pubblicità che non vengono bloccate, quindi supponiamo che sia questa la ragione per cui non sono preoccupati: basta pagare.

Tags :Sources :Ubergizmo Usa