I BATTERI SULLE MANI DOPO AVER GIOCATO ALL’APERTO

petri

Le piastre di Petri sono note per i loro molteplici utilizzi. Sono le migliori amiche degli scienziati che vogliono studiare i micro-organismi, ma vengono anche in aiuto di quei genitori che vogliono dimostrare ai propri bambini che l'ambiente che ci circonda non è così pulito come potrebbe sembrare.

Tasha Sturm, tecnico di laboratorio del Cabrillo College, si è dedicata ad un divertente passatempo. Ha preso l’impronta della mano del proprio figlio di 8 anni dopo che quest’ultimo aveva trascorso un po’ di tempo a giocare all’aperto, per tentare di rilevare la presenza di eventuali batteri.

Dopo una giornata di incubazione, il terrendo di coltura costituito dal triptone soia agar ha effettuato il suo lavoro e ha permesso ai batteri di svilupparsi e di essere osservati al meglio. Il risultato è abbastanza impressionante.

L’esperienza in questione è estremamente semplice da realizzare, poco costosa ed istruttiva per gli adulti come per i bambini. Naturalmente, bisogna avere buonsenso nel proporla ai più piccoli ed evitare un eccessivo allarmismo. A voler essere troppo drastici si rischia che sviluppino l’ossessione di lavarsi le mani 400 volte al giorno!

Di contro, è un’occasione ideale per apprendere qualcosa sulla microbiologia, la messa in coltura dei micro-organismi e, allo stesso tempo, l’importanza dell’igiene,

Tags :Sources :fr.ubergizmo.com