LUNARVILLE, LA BASE LUNARE GONFIABILE DELL’ESA

lunarville

L'anno scorso l'Agenzia Spaziale Europea (ESA) è entrata nella storia facendo atterrare per la prima volta un apparecchio su una cometa, il celebre Philae che si è da poco risvegliato.

Ma gli scienziati hanno già gli occhi puntati verso il futuro e un altro nuovo e straordinario progetto: Lunarville, la prima base lunare.

Per costruire questa base sulla Luna, l’ESA sta facendo ricorso alle tecnologie più avanzate al momento disponibili. Stampa 3D, strutture pneumatiche e chi più ne ha più ne metta… Lunarville sarà impiantata nel cratere Shackleton, un’immensa depressione, ampia più di 4 km diametro che si trova nei pressi del polo Sud della Luna. Johann-Dietrich Wörner, futuro direttore dell’ESA, intende lanciare la costruzione per il 2024.

Fino ad ora l’agenzia non ha mai fatto atterrare un proprio velivolo sulla Luna, ma questo dato cambierà nel 2018 – con un Lunar Lander che sarà inviato proprio al polo Sud della Luna. Questa missione permetterà di procedere più concretamente con il grande sbarco previsto per il 2024.

La missione si preannuncia complessa. La navicella conterrà tutto il necessario per costruire la base in questione. Bisognerà prima di tutto posizionare una cupola gonfiabile sulla superficie. Una volta messa in loco, dei robot dotati di stampante 3D creeranno un rivestimento solido per proteggerla Lunarville dalla terra e dalla polvere lunare. Questo guscio ricoprirà completamente la cupola, proteggendo anche i futuri abitanti dalle radiazioni cosmiche e dall’impatto di eventuali meteoriti.

Le ricerche per pervenire alle tecnologie necessarie per realizzare tutto ciò sono già a buon punto.

Ma se la costruzione di Lunarville potrebbe iniziare di qua al 2024, un altro grande passo è necessario perché l’ESA possa essere in grado di inviare un equipaggio umano sulla base per delle missioni di lunga durata «un servizio permanente dovrà essere approntato per eventuali emergenze mediche», ha dichiarato Johann-Dietrich Wörner.

Secondo l’agenzia europea, Lunarville potrebbe anche, nel lungo periodo, sostituire l’ISS come nuova Stazione Spaziale.

https://www.youtube.com/watch?v=BFr2WmeQu74
Tags :Sources :fr.ubergizmo.com