Quiz, dati violati nel 2015 e attacchi informatici: quanto ne sapete?

I bancomat sono violabili via SMS

Fughe di notizie, diffusione incontrollata di account personali, ma anche intere banche dati con le informazioni sulla salute degli utenti. Proporzionalmente all'aumento delle informazioni sensibili memorizzate on-line, è aumentato anche il numero di violazioni e l'impatto che hanno sui consumatori. Questo dovrebbe farvi molto riflettere sul tipo di informazioni che mettete online e sulla protezione che scegliete (password, doppia identificazione, pin ecc.).

Ma al netto di questo, è il caso di avere qualche informazione in più, fosse non altro per avere l’idea di cosa e quando è stato violato (e capire cosa potrebbe finire nelle mani di chiunque). Basta fermarsi a quello che è successo in questo scorcio di 2015, per capirci qualcosa di più.
Avrete certamente sentito parlare del sito Ashley Madison, ma sapete quanti account sono stati violati?
In Italia, come nella quasi totalità dei paesi, esiste un ente pubblico responsabile dell’applicazione delle leggi sulla privacy a cui potete rivolgervi. Ma per chiamarlo in causa, dovete sapere qual è: chi di voi lo sa?
Una più che nota azienda di intrattenimento ha recentemente iniziato una grossa causa per una pesantissima violazione dei dati dei suoi utenti. Siamo sicuri che sapete di chi parliamo. E nessuno è davvero immune dagli attacchi dei malintenzionati. Infatti anche una società di sorveglianza è stata violata nel mese di luglio: chi ricorda quale fosse?
A volte succede anche che ad essere violati siano siti di competenza governativa, con quello che ne consegue. E infatti è di qualche giorno fa la notizia che il ministro alla Salute britannico ha ordinato una inchiesta per capire come il servizio sanitario nazionale gestisce i dati. Chi ricorda a seguito di quale episodio si è arrivato a questo provvedimento?
Queste e molte altre le domande del nostro quiz che vi consentiranno di approfondire lo spinoso argomento delle violazioni dei dati sensibili e degli attacchi informatici. Che aspettate? Cliccate qui e mettetevi alla prova.

Tags :