Uber sguinzaglia auto con fotocamere sferiche per sviluppare mappe sue

uber-bmw-640x360

Nonostante le proteste dei tassisti e le guerre legali scatenate, Uber non ha alcuna intenzione di uscire dal mercato. Anzi, l'azienda sta studiando nuove strategie per migliorare i propri servizi. L'ultima è una partnership con BMW, che dimostra come Uber stia espandendosi e ampliando il proprio portfolio su diverse piattaforme in tutto il mondo.

Ma c’è di più. Pare infatti che l’azienda abbia messo in circolazione veicoli propri per potere sviluppare delle mappe sue.
Sembra che si tratti di veicoli molto simili a quelli utilizzati in passato da Microsoft che girando per le strade immagazzinavano dati utili alla mappatura. Inoltre, le auto di Uber non sono dissimili da quelle del progetto StreetView di Google, con fotocamere sferiche in 3D che possono scattare foto di tutto quello che le circonda. Un portavoce di Uber ha rivelato che spera che la tecnologia scelta per catturare le immagini permetterà all’azienda di migliorare molte aree chiave del progetto, sia per i passeggeri sia per gli automobilisti. Questi miglioramenti dovrebbero includere migliori indicazioni sulle strade e una stima più precisa del tempo necessario a raggiungere la destinazione.
Come si concilierà tutto questo con il progetto delle macchine autonome di Uber, rimane da vedere, ma siamo sicuri che avremo maggiori dettagli tra non molto.

Tags :Sources :ubergizmo usa