Athena, il device indossabile che salva le donne vittime di aggressione

athena

Quando parliamo di accessori che aiutano le donne a difendersi da possibili aggressioni, di solito si parla di spray al peperoncino e teaser. Ma possiamo anche parlare di dispositivi come fischietti e allarmi che dovrebbero attirare l'attenzione dei passanti e spaventare l'aggressore.

Prendete, per esempio, Athena. È un dispositivo realizzato da Roar for Good, rientra nella categoria della tecnologia che si indossa e ha lo scopo di aiutare le donne in caso di aggressione. Si attacca come ciondolo alla collana o come accessorio alla cintura e può essere, quindi accessibile in qualsiasi momento. Significa anche che potete mandare avviare l’allarme senza che l’aggressore lo sappia con il rischio che si peggiori la situazione (pensate, ad esempio, ai casi di violenza domestica).
Secondo la co-fondatrice dell’azienda, Yasmine Mustafa, l’ispirazione di creare questo dispositivo l’ha avuta mentre andava in giro, zaino in spalla, per il Sudamerica. Parlando con Mashable, ha dichiarato: “Per quanto il viaggio fosse affascinante, letteralmente in ogni posto in cui sono andata sentivo storie di donne aggredite”.

Poi ha raccontato che la sua vicina, una volta che uscì di casa a guardare il contatore, fu assalita e stuprata. “Quando ho letto la notizia sui giornali il giorno successivo – ha raccontato – ho avuto l’idea per cui ROAR è nato”. Athena emette un allarme quando viene premuto, ma come abbiamo già detto, c’è anche il modo per lanciare l’allarme silenziosamente.
In entrambi i casi, alle persone che avete inserito nella vostra lista arriverà un sms con la vostra posizione per far loro sapere dove siete e permettergli, nel caso in cui fossero vicini, di correre in aiuto, oppure di chiamare le autorità. Il dispositivo è attualmente a caccia di finanziamenti su Indiegogo dove ha già superato al cifra stabilita di 40.000 dollari, ma se volete potete ancora dare il vostro contributo.

Tags :Sources :Ubergizmo Usa