Entro 30 anni sarà possibile risorgere grazie all’AI, secondo Humai

resurrected-ai-640x335

Diciamocelo: a chi non piacerebbe vivere per sempre? Dopo tutto, ci sono buone possibilità che, se siete gli unici immortali, possiate diventare anche molto ricchi. Detto questo, la ricerca della Fonte della Giovinezza è una cosa che affascina il genere umano da tempo immemore, finora senza successo.

Un’azienda che si chiama Humai, però, vuole fare la differenza e parla della possibilità di far risorgere le persone da qui ai prossimi 30 anni, naturalmente con l’aiuto dell’Intelligenza Artificiale.
Humai sostiene di stare lavorando ad un’importante tecnologia per portare in vita le persone che sono morte e di avere già iniziato a lavorare sulla rinascita con l’uso dell’Intelligenza Artificiale. Prima di tutto, l’azienda raccoglierà quanti più dati possibili a proposito delle persone defunte, per poterle poi inserire in un corpo artificiale con un vero cervello umano.
Al momento, un paio di scienziati stanno lavorando all’aspetto che riguarda l’Intelligenza Artificiale, insieme alla nanotecnologia, alla bionica e ai sensori. Trent’anni sono sufficienti per garantire la resurrezione alla maggior parte di noi.

Tags :Sources :ubergizmo usa