I taxi californiani lavoreranno come Uber grazie ad una nuova app

taxi-california-uber

I servizi come Uber hanno già portato via una grossa fetta di business ai taxi regolari, ed è proprio per questa ragione che ormai non ci sorprendiamo a vedere i tassisti protestare contro il famoso servizio di trasporto automobilistico privato. Per quanto riguarda l'Italia, l'utilizzo di Uber è stato reso illegale da una sentenza del tribunale di Milano, ma la società californiana non ha intenzione di arrendersi, la prima udienza si è svolta a Torino il 16 dicembre.

Proprio per tenere testa a questo temibile concorrente è nata Flywheel. Un’app che fa si che il servizio dei taxi funzioni esattamente come Uber. Al momento l’applicazione è stata approvata dai regolatori della California, il che significa che tutti i taxi dello stato possono ora utilizzare la tecnologia “TaxiOS” per rimpiazzare le caotiche procedure di chiamata, pagamento, navigazione e pubblicità.

TaxiOS è molto simile ad Uber, include infatti una vasta gamma di servizi in una sola app, Flywheel ha infatti dichiarato di fornire alla Californiaparità di condizioni ai taxi, per la loro lotta contro Uber.”

taxiLa decisione di consentire ai proprietari di taxi in tutto lo stato di utilizzare Flywheel arriva dopo un periodo di sperimentazione completato a San Francisco. Da questo momento, tutti i tassisti della California posso decidere se utilizzare o meno l’app. Per il momento l’azienda ha ottenuto il permesso di offrire i suoi servizi per un anno, in attesa dell’approvazione del servizio a tempo indeterminato da parte degli organi governativi.

La nuova applicazione offre molti servizi che fino a poco tempo fa erano un esclusiva della concorrenza, tra questi la possibilità di dividere la tariffa tra più passeggeri e il pick up vicino alle abitazioni degli autisti. I taxi riprenderanno quota sul mercato? Staremo a vedere.

 

 

 

 

Tags :Sources :Ubergizmo USA