Azienda indiana produce tessuto epatico tramite stampa 3D

stampa-3d-tessuto-epatico

La stampa 3D nel settore medico non è una novità. Abbiamo infatti visto aziende stampare in 3D protesi e persino ossa, ma ora una società indiana ha affermato di aver sviluppato una tecnologia in grado di stampare un tessuto epatico, novità che, in futuro, gli scienziati sperano di poter utilizzare per trapianti di fegato a pieno titolo. Anche se supponiamo che prima di raggiungere questo obiettivo ci saranno un bel po' di ostacoli giuridici e normativi da superare.

Secondo Pandorum Technologies, l’azienda dietro a questa scoperta, i tessuti del fegato stampati sono costituiti da cellule umane e abbasseranno notevolmente il costo della ricerca medica. Questo significa anche che i ricercatori potranno fare meno affidamento sulla sperimentazione umana e animale e che i costi di ricerca e sviluppo in campo medico potrebbero abbassarsi di milioni di dollari.

“I nostri mini-fegati bio-stampati in 3D simulano il fegato umano e serviranno come piattaforma di sperimentazione per la scoperta e lo sviluppo di farmaci ad alta efficacia, con meno effetti collaterali e costi inferiori,” ha dichiarato il co-fondatore della società, Arun Chandru.

Mentre Tuhin Bhowmick, l’altro co-fondatore, ha aggiunto: “Sviluppare organi artificiali vede numerose applicazioni cliniche. I nostri organoidi possono essere utilizzati per sviluppare sistemi bio-artificiali di supporto al fegato che potrebbero salvare la vita di quei pazienti affetti da insufficienza epatica. Nel prossimo futuro, gli organi artificiali contrasteranno la grave carenza di organi umani disponibili per i trapianti chirurgici.

Tags :Sources :Ubergizmo USA