Da Caitlyn Jenner alle stragi di Parigi: il 2015 secondo Google

doodle_fine2015

Immancabile come ogni anno, Google celebra la fine del 2015 con un doodle dedicato a tutti i suoi utenti sparsi per il mondo in cui il 2016 è un uovo che sta per schiudersi: cosa succederà alla mezzanotte? Lo scopriremo tra qualche ora.

Intanto, al posto del link con cui Mountain View sponsorizzava le sue app per Android e iOS, oggi ce n’è un altro: “Rivivi i momenti che hanno segnato il 2015”. Cliccando sul link si apre una pagina in cui campeggia il video con cui l’azienda riassume alcuni dei fatti più salienti dell’anno ormai agli sgoccioli. La voce di Caitlyn Jenner, diventata ormai un simbolo dopo aver fatto coming out e aver rivelato di avere cambiato sesso abbandonando per sempre il corpo del campione olimpionico di atletica Bruce, accompagna le immagini degli sbarchi dei rifugiati, della fine dell’embargo a Cuba, delle stragi di Parigi, della storica sentenza della Corte Suprema che ha esteso il matrimonio anche alle coppie gay, dell’incontro del Papa con Obama, della crisi greca ecc. Alla base, naturalmente, le ricerche fatte dagli utenti su Google.

(Continua a leggere dopo il video)

Sotto il video, diviso per categorie, un elenco di avvenimenti che hanno segnato il 2015, dalle celebrità scomparse agli Oscar, dallo scandalo Volkswagen al calcio femminile, passando per il terremoto in Nepal, la scoperta dell’acqua su Marte e l’uccisione del leone Cecil.

E, infine, le classifiche delle parole più cercate nel 2015 in Italia sul motore di ricerca più usato al mondo.
Scopriamo curiosamente che gli italiani si sono chiesti più spesso “cosa significa” gender, poi transgender e, solo al terzo posto, Isis; che la ricetta più cercata è quella della marmellata di fichi e che tra i “come fare” la fattura elettronica viene solo dopo le olive in salamoia.
Uno specchio del paese che siamo, in attesa di capire che paese vogliamo diventare.
Intanto, buon anno a tutti dallo staff di Ubergizmo Italia.

Tags :