La tavola periodica si arricchisce di quattro nuovi elementi

tavola-periodica-elementi

È tempo di staccare dal muro la vecchia tavola periodica ed appenderne una nuova, o se non altro fare delle aggiunte a mano, volendo essere "rudi". Una speciale squadra di ricerca formata da membri dell'International Union of Pure and Applied Chemistry (IUPAC) e dell'International Union of Pure and Applied Physics (IUAPAP) ha infatti scoperto quattro nuovi elementi che sono stati aggiunti alla tavola, completando finalmente la settima fila.

I quattro elementi sono stati precedentemente resi noti come sostanze chimiche 113, 115, 117 e 118. Sono stati verificati il 30 dicembre ed hanno ottenuto dei nomi temporanei.

L’aggiunta comprende dunque l’unutrium (113), l’ununpentium (115), l’ununseptium (117) e l’ununoctium (118), questi “nickname” resteranno in vigore fino alla scelta di nomi permanenti.

Questi elementi sono i primi ad essere aggiunti alla tavola dal 2011 e sono tutti classificati come “elementi superpesanti” (nel senso che sono stati creati artificialmente e si disintegrano rapidamente in sostanze più leggere).

I “credits” per l’elemento 113 vanno al team RIKEN del Giappone, mentre quelli per il 115 e il 117 all’Oak Ridge National Laboratory del Tennessee. Per quanto riguarda il 118 il merito della scoperta è sia del Joint Institute for Nuclear Research di Dubna (Russia), che del Lawrence Livermore National Laboratory della California.

Ora mancano solo i nomi permanenti! Ricordiamo che, secondo lo IUPAC, i nomi dovranno necessariamente essere basati su minerali, luoghi, concetti mitologici, proprietà o scienziati.

 

 

Tags :Sources :Ubergizmo USA