CES 2016: OLED e user experience, LG punta molto in alto

lg_ces_2016_1

Al suo evento stampa al CES 2016, LG si è focalizzata molto sull'esperienza utente e sulla chiarezza degli intenti per ogni prodotto che ha realizzato. La linea Signature dell'azienda, certamente punta ad un mercato di fascia alta.
Il risultato è stato un evento molto diverso da quello che LG organizzò lo scorso anno. Questa volta non si è trattato di una valanga di prodotti caratterizzati dalle numerose funzioni che hanno.

L’evento, invece, si è focalizzato su alcuni prodotti e su come possano rendere migliore la vita degli utenti.

lg_ces_2016_2

A LG, l’OLED segna la strada
Prendiamo, ad esempio, la presentazione del TV. Non sono stati diffusi dettagli tecnici su come WebOS rende tutto più semplice o su come può gestire le app preferite dell’utente. Invece, LG ha messo particolare enfasi sulla sua tecnologia OLED e su quanto sia superiore all’LCD. Tutti concordano sul fatto che l’OLED sia il futuro e che il costo è l’unica cosa che può rallentarne l’ascesa. È vero che i display LCD possono avere risultati migliori in termini di brillantezza assoluta, ma non stiamo parlando della caratteristica a cui gli utenti tengono di più.
D’altro canto, gli OLED possono raggiungere livelli di brillantezza molto alti, ma anche livelli molto tenui di scuri che sono quelli a cui gli occhi sono più sensibili, specialmente se si guarda un film come se si fosse al cinema, cioè in una stanza buia.

lg_ces_2016_5

Questo si deve al fatto he i display LCD possono usare micro attenuazioni per controllare la brillantezza locale degli scheri con 100-200 luci LED. Ma dal momento che ogni singolo pixel di un display OLED emette la sua luce, uno schermo del genere di fatto ha micro attenuazioni con milioni di fonti di luci invece che con centinaia. Questo evita che la luce finisca in un’altra area dello schermo. L’OLED ha inoltre un’ottima resa dei colori.
comunque, LG continuerà a produrre una vasta quantità di TV LCD. Stiamo parlando sempre di ottimi prodotti, che riescono a riprodurre i colori in modo eccellente a costi accessibili. Semplicemente, non sono al livello degli OLED.

lg_ces_2016_4

E lo “stile” è una caratteristica della serie Signature: il retro dei TV è bellissimo da guardare, nel caso intendeste metterlo al centro del vostro soggiorno o del vostro loft.

Applicazioni per la casa: l’esperienza utente prima di tutto
Tra le proposte per la casa, LG ha mostrato un frigorifero che può illuminarsi “bussando” sulla porta mostrando cosa c’è dentro senza aprirlo, grazie ad una finestra in vetro. Senza dubbio si tratta di qualcosa ispirato al Knock On che “risveglia” i telefoni di LG con Android. Lo stesso frigo può anche aprire la porta da solo nel caso abbiate le mani occupate. L’utente può attivare la porta toccando un sensore con il piede. Il frigorifero è anche in grado di riconoscere se si tratta di un adulto o di un bambino e non apre la porta se a toccare il sensore è un animale.
Infine, l’LG Air Purifier è un ottimo pezzo di design. A seconda di dove vivete, potete impostare una maggiore attenzione all’aria che respirate: funzione molto utile, specialmente se abitate in una grande città. Il design di LG è molto distante da quello degli altri purificatori d’aria che si possono acquistare oggi. Come ciliegina sulla torta, i filtri sono riutilizzabili e possono durare anni (decenni, pare) perché a nessuno piace cambiare i filtri.

lg_ces_2016_3

Tags :Sources :ubergizmo usa