Adolescente crea un robot avvocato in grado di rispondere ai vostri quesiti legali

robot-avvocato

Avete mai avuto bisogno di un consulto legale, pur non volendo spendere soldi per la parcella di un avvocato? Certo, se si tratta di una questione seria sarebbe meglio rivolgersi ad un professionista ma, se desiderate una risposta rapida, allora potreste essere interessati a questo avvocato robot in grado di rispondere on-line alle vostre domande in ambito legale.

Il software in questione è stato creato da Joshua Browder, una adolescente inglese studente di Economia e Informatica presso la Stanford University. Nel corso di un’intervista per Mashable, Browder descrive il robo-avvocato come un’estensione del suo progetto precedente DoNotPay, che ha aiuto le persone ad appellarsi contro le tariffe sleali dei biglietti per il parcheggio.

Il giovane ha infatti dichiarato: “Al momento il robot è in grado di gestire i ricorsi relativi ai biglietti di parcheggio, l’assicurazione di protezione di pagamenti (PPI) e i reclami relativi al ritardi di voli e treni. Esso è inoltre in grado di rispondere ad alcune domande relative a questioni legali relative al diritto generico (“Non posso permettermi il prezzo del biglietto, cosa devo fare?”). In ultima analisi, sto cercando di implementare il maggior numero di funzioni possibili per cercare di fronteggiare la grande lobby di avvocati che sfruttano i loro clienti.

Browder ha inoltre rivelato che una delle maggiori difficoltà tecniche era relativa al fatto che la stessa domanda può venire posta in mille modi diversi, ma ha messo ha punto una soluzione. “La svolta è arrivata quando sono riuscito a far si che il robot imparasse a confrontare le frasi comprendendone il senso, cosicché la modalità di porre la domanda da parte degli utenti non fosse più importante.

Tuttavia questo non è il robo-avvocato più completo reperibile online, ma rappresenta comunque un’ottima soluzione per le richieste di carattere generale. Per usufruire del servizio, collegatevi a donotpay.co.uk, o guardate il video qui sotto per vedere il tool in azione.

Tags :Sources :Ubergizmo USA