Il primo e-reader in Braille è già prototipo

e-reader-braille-prototipo

Molti di noi danno reputano la vista come un fattore scontato. Possiamo leggere, guardare film e navigare sul web, il tutto senza soffermarci un attimo a pensare che ne siamo in grado solamente grazie al corretto funzionamento dei nostri occhi. Coloro che sono ciechi non si possono però permettere un tale lusso e devono necessariamente fare affidamento al Braille, il che significa che se non è disponibile una versione Braille del libro che vogliono, potrebbero essere costretti a dover utilizzare altri mezzi, talvolta non molto convenienti.

Ciò significa inoltre che i non vedenti non godono degli stessi strumenti tecnologici che utilizziamo abitualmente, come gli e-reader. Tuttavia questa realtà potrebbe cambiare molto presto grazie ai ricercatori della University of Michigan, i quali hanno sviluppato il prototipo di un dispositivo che vanta un display in grado di fornire le diverse pagine in Braille.

Questo comporta necessariamente che il display ed i relativi caratteri in Braille dovranno cambiare ogni volta che lo schermo mostra un nuovo contenuto. I ricercatori prevedono infatti di utilizzare sia l’aria che un fluido per contribuire ad azionare i minuscoli sensori presenti nello schermo per formare le diverse lettere in Braille. In ogni caso questa non è la prima volta che sentiamo parlare di una tecnologia simile, diversi anni fa è stato infatti creato un prototipo di smartphone che si basava sul medesimo concept.

Tuttavia i ricercatori stanno attualmente tentando di comprendere come adattare una simile tecnologia ad un device che possa essere commercializzato ad un prezzo abbordabile. Pur procedendo nella progettazione con la finalità di creare un e-reader, gli scienziati sperano che il dispositivo possa trovare anche altri utilizzi, come ad esempio la creazione di grafici o fogli di calcolo.

 

 

Tags :Sources :Ubergizmo USA