Taser Pulse: presto in commercio il taser utilizzabile anche dai civili

taser-pulse-640x420

Nella quasi totalità dei casi, il taser è un accessorio destinato all'utilizzo esclusivo da parte delle forze dell'ordine. Tuttavia, specialmente per quanto riguarda le donne, come è possibile proteggersi adeguatamente pur essendo un civile? E soprattutto, è possibile procurarsi un accessorio di difesa simile ad taser, ma completamente legale? Ora, grazie all'azienda Taser e al suo ultimo device Taser Pulse, la risposta è sì.

Il Pulse è stato progettato per l’utilizzo da parte dei civili ed è abbastanza piccolo da entrare facilmente in borse, borsellini e tasche posteriori, l’ideale per una risposta rapida ad un’aggressione. Ma non lasciatevi ingannare dalle dimensioni perché, a dispetto della taglia, il Pulse è in grado di mettere k.o. qualsiasi malintenzionato.

Stando a ciò dichiarato dalla società, il device è dotato di un laser per rendere più facile la mira e di una carica energetica in uscita di 30 secondi, la durata ideale per mettere al tappeto l’assalitore e avere il tempo di scappare. L’intensità della carica sarà la stessa dei dispositivi in dotazione a più di 18.000 componenti delle forze dell’ordine sparse in 1077 nazioni.

Mike Gish, Vice Presidente di TASER Weapon Strategy ha dichiarato: “Abbiamo rimosso molte delle caratteristiche industriali richieste per l’impiego da parte delle forze dell’ordine come i data logs, la registrazione degli impulsi, il regolatore di carica, il live display e l’interfaccia TASER CAM. Mentre abbiamo utilizzato il nostro Shaped Pulse electrical waveform brevettato per creare un dispositivo di dimensioni ridotte, facilmente occultabile e vendibile ad un prezzo contenuto. Nonostante un prezzo di lancio pari a 399 dollari, non abbiamo sacrificato nulla in termini di potenza ed efficacia.

Il Pulse sarà disponibile nel primo trimestre del 2016 ad un prezzo di 399 dollari. Ad ogni modo vi lasciamo con un quesito: e se ad acquistarlo fossero proprio i malintenzionati? Fateci sapere cosa ne pensate

Tags :Sources :Ubergizmo USA