Maven: esordisce il servizio di car sharing targato General Motors

general-motors-logo-uber-sidecar

General Motors è una delle società produttrici di automobili più longeve del pianeta, ma questa non sembrerebbe essere l'unica caratteristica per la quale l'azienda vuole essere ricordata in futuro. Il vendor sta infatti investendo ingenti somme nella ricerca rispetto le nuove tecnologie nel settore trasporti e ha persino lanciato un servizio di car-sharing molto simile a Zipcar, chiamato Maven.

GM si aspetta che, nei prossimi 10 anni, più di 30 milioni di persone inizieranno ad usufruire i servizi di car-sharing che permettono di noleggiare un auto condivisa con una tariffa oraria; il contesto ideale per il lancio di Maven!

Per il momento il servizio è disponibile unicamente a Ann Arbor, in Michigan, ma la società ha confermato che sarà esteso ad altre città sparse per gli States nei prossimi mesi. Le vetture Maven saranno dislocate in 21 location sparse per la città e potranno essere affittate per 6 dollari l’ora. Ad ogni modo ciò che rende il servizio differente rispetto a quello fornito  da competitor come Zipcar o Car2go è il fatto che non sarà richiesta alcuna quota associativa.

I clienti potranno accedere alle vetture utilizzando il proprio smartphone e saranno persino in grado di regolare a distanza alcuni strumenti delle automobili (come la temperatura dell’aria condizionata) ancora prima di salire a bordo. La flotta di Maven includerà auto Chevy Spark e, dalla fine di quest’anno, Chevy Bolt. Tutte le vetture disporranno di connettività 4G LTE e supporto per Android Auto, CarPlay e SiriusXM.

Inoltre, come vi abbiamo annunciato ieri, il gruppo GM è fortemente intenzionato a diventare uno dei punti di riferimento nel settore auto del futuro. L’azienda ha infatti investito 500 milioni di dollari in Lyft per sviluppare la tecnologia self-driving e si è addiritura spinta ad acquisire Sidecar, storico competitor di Uber.

 

Tags :Sources :Ubergizmo USA