Ricercatori insegnano ai computer come riconoscere il sarcasmo

vedova-twitter-isis

Nella vita reale, il sarcasmo appare decisamente evidente in quanto spesso  accompagnato da strabuzzare degli occhi, cambiamento nel tono di voce e modifiche del linguaggio del corpo, il tutto per indicare che non si pensava seriamente ciò appena detto. Purtroppo il sarcasmo online non risulta altrettanto evidente. Infatti, un paio di anni fa, i servizi segreti degli Stati Uniti desideravano dei rilevatori di sarcasmo su Twitter.

E pare che questo interesse non sia svanito, grazie all’opera di alcuni ricercatori che stanno cercando di insegnare ai computer come rilevare il sarcasmo sui social media, come Twitter. Il dossier è intitolato “Contextualized Sarcasm Detection on Twitter” e fondamentalmente enuncia il la procedura per “allenare” i computer nel ricercare le parole chiave che potrebbero caratterizzare un messaggio sarcastico.

Tra queste parole i termini “chiaramente“, “scioccato“, “ansimare” e “realmente“, si presta inoltre attenzione anche ad hashtag come “#lol” e “#sarcasm“. I computer sono inoltre stati programmati per prestare attenzione ad altri fattori come la posizione geografica, l’età, il sesso, la cronologia messaggi ed altro ancora. Secondo i ricercatori, sembra che sia siano raggiunti ottimi risultati, con un tasso di successo dell’85%.

Il documento non specifica che tipo di applicazioni pratiche potrebbe avere lo sviluppo di questa tecnologia ma, come vi abbiamo anticipato, un rilevatore di questo tipo potrebbe essere utilizzato dal governo statunitense per determinare eventuali minacce alla sicurezza nazionale.

 

 

 

 

Tags :Sources :Ubergizmo USA