Facebook: i privati non potranno più vendere armi da fuoco sul social

dogana-facebook-free-basics-internet-egitto-counter-speech-messenger

Facebook, oltre ad essere un social media, può anche essere utilizzato per eseguire transazioni. I venditori possono infatti postare la loro merce in vari gruppi e pagine, facendo in modo che gli acquirenti interessati possano contattare direttamente i compratori per organizzare un incontro o effettuare una vendita online.

Ma è capitato che il social sia stato utilizzato per la compravendita di armi, e questa è una situazione che Facebook ha deciso di non tollerare. Prima di questo episodio, l’azienda aveva già impedito ai venditori di pubblicizzare la vendita di armi da fuoco.

Ciò significa che i venditori privati non saranno più in grado di vendere le loro armi da fuoco su Facebook o Instagram. Tuttavia, i rivenditori autorizzati saranno ancora in grado di utilizzare i social network per pubblicizzare i loro prodotti ed organizzare tutte quelle transazioni esterne ai social.

Secondo Monika Bickert, responsabile delle politiche di prodotto dell’azienda, “negli ultimi due anni sempre più persone hanno utilizzato Facebook per scoprire, acquistare, e vendere prodotti tra privati. Stiamo continuando a sviluppare, testare e lanciare nuovi prodotti per rendere questa esperienza il più gradevole e sicura possibile per i nostri utenti. Il tutto aggiornando le nostre politiche in riferimento a beni regolamentati, per riflettere questa evoluzione.

 

 

Tags :Sources :Ubergizmo USA