Ecco il collare che proteggerà il cervello degli atleti

collare-protezione

Seguire sport come wrestling, calcio, boxe e così via può risultare piuttosto impressionante, specie quando si osservano i danni che gli atleti sono spesso costretti a subire in nome della disciplina praticata. Concesso che alcuni di loro indossano indumenti protettivi come caschi e imbottiture, è stato rilevato che non vi è ancora un dispositivo in grado di proteggere il cervello degli atleti da eventuali danni, almeno finora.

Infatti, sembra che sia stato appena scoperto un nuovo dispositivo (più efficace del casco) che consentirebbe di proteggere il cervello di atleti e soldati dalle conseguenze mediche derivanti da un violento impatto. Si tratta di un collare da indossare intorno al collo che impedirebbe al cervello di scivolare violentemente all’interno del cranio durante un impatto. Il merito dell’invezione va a Julian Bailes, presidente della facoltà di neurochirurgia presso la NorthShore University HealthSystem e co-direttore del NorthShore Neurological Institute di Evanston, Illinois.

Lo sappiamo, sembra strano che un dispositivo atto a proteggere la massa interna al cranio sia posto intorno al collo. Tuttavia il device è stato creato sulla base di una lunga osservazione dei comportamenti di animali come picchi e arieti che, seppur subendo numerosi impatti della testa, non subiscono alcun danno.

Ma come funziona il collare? Innanzitutto il dispositivo va indossato sulla parte posteriore e sui lati del collo, si applica quindi una lieve compressione delle vene giugulari, riducendo la quantità di sangue che scorre al cuore dopo ogni battito. Presumibilmente, la diminuzione del flusso sanguigno aiuterebbe a prevenire il cervello dal “rovesciarsi” all’interno della scatola cranica (almeno stando a quanto rilevato tramite i test su alcuni topi). Detto questo, resta ancora molto lavoro da fare prima che il device sia pronto alla sperimentazione su cavie umane.

 

 

 

 

Tags :Sources :Ubergizmo USA