Easyjet testerà i primi aerei ibridi entro un anno

easyjet-take-off-640x360-ibrido

Le compagnie aeree low cost offrono prezzi competitivi in quanto si pongono come obiettivo principale la riduzione dei costi. Procedure come la limitazione della franchigia bagaglio e la creazione del maggior numero possibile di posti a sedere a bordo, consentono a queste aziende di operare con margini sottili e soddisfare le aspettative degli utenti disposti ad accettare gli standard delle compagnie a basso costo. Easyjet, colosso dei voli low cost in Europa, ha appena comunicato che presto la compagnia inizierà a testare la tecnologia ibrida sui propri velivoli, così da poter risparmiare circa 35 milioni di dollari l'anno.

L’idea è quella di azzerare l’utilizzo di carburante durante la fase di rullaggio dell’aeromobile, in quanto, come dichiarato dall’ingegnere EasyJet Ian Davies, circa il 4% del consumo di carburante annuo, viene utilizzato per il rullaggio negli aeroporti.

Questo nuovo sistema a emissioni zero permetterà di immagazzinare energia durante la frenata dell’aereo in fase di atterraggio, l’energia accumulata sarà utilizzata per alimentare le batterie ultraleggere presenti nel velivolo. L’aeromobile potrà utilizzare l’energia prodotta senza il bisogno di impiegare i motori, per esempio durante la fase di rullaggio. L‘acqua pulita sarà l’unico scarto del processo, e potrà tranquillamente essere utilizzata dai passeggeri tramite l’immissione nel sistema idrico di bordo.

Davies afferma infatti che l’acqua prodotta come scarto potrà sia essere utilizzata per gli scarichi, sia come bevanda per i passeggeri in quanto “si tratterà di acqua pulitissima e freschissima.” La compagnia inizierà i test sulla terraferma entro un anno.

 

 

 

Tags :Sources :Ubergizmo USA