Microsoft progetta un mini desktop modulare?

ms-modular-pc-640x500

La modularità dei dispositivi di ultima generazione è qualcosa a cui vale la pena prestare attenzione, perché offre flessibilità e la capacità di adeguarsi ai tempi senza dovere investire troppo denaro in dispositivi nuovi ogni anno. Per esempio, su questa scia si muove il Project Ara di Google, il progetto di telefoni modulari, e Asus ha in catalogo mini desktop modulari che hanno riscosso un certo interesse. Non sorprende, dunque, che anche Microsoft abbia deciso di sperimentare in questo settore.

Il colosso di Redmond ha presentato una richiesta di brevetto per un dispositivo di calcolo modulare che è più o meno una sorta di PC tutto-in-uno in cui gli utenti possono decidere di includere più funzionalità del solito semplicemente aggiungendo dei moduli hardware a quelli già previsti dal modello base. Questo, di fatto, rende il dispositivo “a prova di futuro”, almeno per un po’.

I moduli saranno certamente interscambiabili e questo apre nuove prospettive in termini di processori, grafica, memoria e storage che diventano tutti personalizzabili con estrema facilità e senza impazzire per aprire il case, trovare il pezzo e sostituirlo senza fare danni.

Questo rende la vita molto più semplice e con ogni probabilità, riduce vertiginosamente il numero di viti da dovere svitare e avvitare. Tuttavia, come sempre in questi casi, vale la pena ricordare che si tratta di un brevetto, non ancora di un prodotto. Come sappiamo, avere depositato una richiesta di brevetto non necessariamente significa che quello che vediamo sarà commercializzato. A volte le aziende vogliono solo evitare che altri possano avere la stessa idea e bruciarle sul tempo.

Ricordiamo, però, che è anche vero che ultimamente Microsoft ha dedicato molte energie e attenzione allo sviluppo di hardware proprietario (come con il Surface Pro 4 e il Surface Book), quindi chissà che questo brevetto non rientri in questo nuovo corso.

Tags :Sources :ubergizmo usa