I terroristi usavano Facebook per vendere e comprare armi

Syrian-Rebels-Selling-Weapons-on-Facebook-609x640

Facebook può risultare comodo se volete comprare qualcosa, perché ci sono diversi gruppi e pagine tra cui muoversi per trovare determinati tipi di prodotti. A volte, si possono fare affari a prezzi decisamente inferiori rispetto a cosa succederebbe se andassimo in un negozio classico, e a volte si trovano prodotti di seconda mano per chi non è interessato necessariamente ad oggetti nuovi.

Tuttavia sembra che, secondo recenti notizie, il social network più popolare e usato del globo sia diventato anche lo strumento preferito da gruppi di terroristi come l’Isis e Al-Qaeda per vendere e comprare armi. Che fosse un mezzo per il reclutamento di giovani leve, era cosa nota, ma ora arriva anche il mercato delle armi.

Sono stati, infatti, rintracciati post in cui alcuni utenti vendevano armi come il lanciagranate AGS-17 di epoca sovietica. Tra gli altri, erano in vendita anche proiettili da cannone e c’era anche una pagina in cui si vendevano lanciamissili che secondo i gestori della pagina stessa, arrivavano dal Pentagono. Come potrete immaginare, Facebook non è molto contenta di ritrovarsi pagine del genere e secondo un portavoce “la pagina è stata rimossa perché viola la nostra policy”.

SOlo lo scorso mese, il social network ha annunciato che avrebbe bannato transazioni private di armi da fuoco sul suo sito. I rivenditori autorizzati potranno ancora avere le loro pagine, ma la compravensita tra privati sarà vietata.

Tags :Sources :ubergizmo usa