Google chiede scusa per il pesce d’aprile che ha fatto perdere il lavoro agli utenti

gmail-mic-drop-640x404

Ogni anno non vediamo l'ora di vedere quale sarà il pesce d'aprile di Google. Negli anni, Mountain View ci ha deliziati con scherzi molto divertenti, quindi ovviamente in molti attendevano quello di quest'anno. Peccato che si sia rivelato un brutto scherzo al punto da comportare la perdita del lavoro per alcuni utenti Gmail e Google ha dovuto ritirarlo prima che la situazione degenerasse ulteriormente.

Come vi abbiamo raccontati, Google ha introdotto Gmail Mic Drop come pesce d’aprile del 2016. Permetteva agli utenti di rispondere alle email con un pulsante “invia + Mic Drop”. Cliccando sul pulsante, si aggiungeva alla email una GIF con un Minion e si rendeva invisibile la risposta da parte del destinatario. Quindi, anche se il destinatario rispondeva, la mail non appariva nel thread e quindi l’utente iniziale non l’avrebbe vista.

La cosa ha avuto l’effetto opposto di quanto sperato da Google e le critiche sono cominciate ad arrivare molto presto fino a quando Google l’ha ritirato.
A quel punto, Google ha aggiornato il messaggio con cui aveva lanciato il pesce d’aprile con delle scuse. L’azienda ha fatto sapere che sta lavorando per ripristinare i messaggi scomparsi dai thread per via dell’uso (spesso inconsapevole) del Mic Drop.

Google ha anche avrebbe dovuto chiedere agli utenti il loro permesso prima di attivare la funzione e avrebbe dovuto anche includere una richiesta di conferma prima dell’invio. Ha riconosciuto, inoltre, che molti usi della funzione sono stati involontari perché il pulsante era messo troppo vicino al tradizionale “invia” e al “invia e archivia”, cosa che ha creato confusione.
“Scusateci ancora – scrive Google -. A Google amiamo i pesci d’aprile e ci dispiace che questo abbia mancato l’obiettivo e creato dissapori”. Google ha fatto molto meglio in passato e siamo sicuri che l’anno prossimo presterà molta più attenzione di quest’anno.

Tags :Sources :ubergizmo usa