Giappone: i turisti potranno effettuare pagamenti utilizzando le impronte digitali

touchid-not-working-640x431

Di solito portarsi dietro del contate quando si viaggia all'estero è una buona idea, specie se non si è dei grandi fan delle tasse di servizio e dei (solitamente) altissimi tassi di cambio agli sportelli ed ai bancomat. Il rovescio della medaglia risulta però essere che viaggiare con denaro 'liquido' può essere pericoloso in quanto vi espone al rischio di una perdita ingente in caso di rapina.

Infatti un furto di portafoglio implica, oltre all’ovvia perdita di contate, anche l’eventuale perdita di denaro da carte di credito e bancomat, una situazione che il Giappone spera di evitare. Tanto che, secondo un recente annuncio da parte del governo giapponese, la nazione spera di implementare presto un sistema che permetta ai turisti provenienti dall’estero di poter effettuare pagamenti verificati tramite l’utilizzo delle impronte digitali.

In pratica il sistema potrà essere configurato direttamente all’arrivo in aeroporto, dove i turisti vedranno il collegamento delle proprie carte di credito alla propria impronta digitale. Da lì, questi ultimi saranno in grado di spostarsi in tranquillità ed effettuare acquisti utilizzando utilizzando esclusivamente la propria impronta digitale, senza doversi portare dietro carte varie e contanti. Il governo spera di poter persino permettere ai turisti di effettuare il check-in in albergo utilizzando la medesima procedura dal momento che, attualmente, la legge obbliga gli ospiti a mostrare una forma di identificazione, come il passaporto.

Si tratta di un’idea indubbiamente interessante e, a quanto pare, nella fase iniziale del progetto vi sarà la partecipazione di 300 punti vendita. Presumiamo che l’intenzione del governo sia quella di avviare il progetto su larga scala entro le Olimpiadi del 2020.

 

 

 

 

Tags :Sources :Ubergizmo USA